Area riservata

Storia

FILT-CGIL FIT-CISL UILTRASPORTI  Roma, 15 Ottobre 2009  A TUTTI I LAVORATORI AMMINISTRATIVI E NAVIGANTI DEL SETTORE MARITTIMI

OGGETTO:Fondo Assistenza Nazionale Integrativa Marittimi F.A.N.I.MAR.
A distanza di circa 12 anni dalla costituzione del Fondo Nazionale Assistenza Integrativa per i Marittimi (F.A.N.I.MAR.), siamo sempre più in grado di affermare che l’attività svolta, peraltro in continua crescita, è stata fortemente positiva per tutto il personale associato e che, quindi, l’idea di base che mosse FILT/CGIL- FIT-CISL - UILTRASPORTI al momento dell'istituzione del F.A.N.I.MAR. è stata vincente.
Come é noto il F.A.N.I.MAR. è un fondo autogestito dai lavoratori che eroga prestazioni, direttamente e indirettamente, avvalendosi di Convenzioni con primarie Compagnie di Assicurazione, tenendo conto di concrete esigenze in campo sociale e quindi non necessariamente collegato ai meccanismi tipici delle Compagnie di Assicurazioni. Infatti le prestazioni erogate, come si può facilmente verificare più avanti, non solo non tengono conto di parametri di valutazione quali consistenza del nucleo familiare, età degli iscritti ecc. ma prevedono anche possibilità di erogazioni a sostegno.
Tutti elementi questi che, in termini assicurativi, farebbero lievitare i costi. Va osservato che il Fondo utilizza risorse che quando provenienti da contratto o contrattazioni integrative, non vengono decurtate da tassazioni di alcun genere.
Dal punto di vista dell’impegno sindacale il Fondo continua su quel filone di interventi sociali e assistenziali già frutto di accordi specifici con le tutele previste per inidoneità alla navigazione, ritiro del titolo professionale, infortunio ed altro. L'orientamento sindacale è quello di utilizzare i vari momenti contrattuali, comprese le integrative e l’adeguamento del tasso programmato di inflazione, per far sì che il finanziamento del Fondo sia sempre più a carico del datore di lavoro.
Gli aspetti sociali del Fondo, specificatamente previsti dallo Statuto, si evidenziano soprattutto:
Nell’aver stabilito che l’entità del contributo di iscrizione è fissata, per le prestazioni sanitarie per tutti gli iscritti lavoratori, a prescindere dal numero dei componenti del nucleo familiare dell’iscritto, i quali potranno usufruire delle stesse identiche prestazioni (v. artt. 8 e 9).
Nell’aver stabilito entità differenziate di contributi di iscrizioni, solo in funzione delle prestazioni di carattere sanitario garantite da convenzioni assicurative (v. art. 12).
Nell’ambito sempre delle prestazioni a carattere sanitario, nell’averne previsto altre (se pure nei limiti delle risorse disponibili di anno in anno), non contemplate dalle condizioni assicurative ma spesso necessarie (art. 12).
Nell’aver previsto anche l’erogazione di prestazioni di natura diversa (sempre nei limiti delle risorse disponibili di anno in anno), per aiutare in occasione di situazioni particolari coinvolgenti lo stesso socio e la sua famiglia (v. artt. 1 e 14). Alcune già disponibili dallo 01/01/2000
Nell’aver previsto la possibilità per gli iscritti pensionati di poter usufruire di tutte le prestazioni erogabili versando contributi di iscrizione proporzionalmente di minor entità rispetto agli iscritti lavoratori, sempre nei limiti delle risorse disponibili di anno in anno.
Nell’aver previsto per ogni iscritto nessun limite di età per il diritto alle prestazioni sanitarie, fatti salvi i casi di cancellazione previsti dallo Statuto (v. art.15) e dando inoltre la possibilità, con l’iscrizione al Fondo, di proseguire nella copertura sanitaria anche dopo il pensionamento, sempre nei limiti delle risorse disponibili di anno in anno.
Nell’aver previsto la facoltà di iscrizione anche per il Personale Amministrativo e per gli Operatori dei singoli Sindacati (v. artt. 2 e 3).
Nell’aver già previsto la rateazione della eventuale quota di contributo di iscrizione annuale a carico del lavoratore mediante addebito mensile sullo stipendio da parte del datore di lavoro, che anticiperà, invece, al Fondo, l’intero contributo (v. art. 9).
Nel fornire indirettamente anche quelle altre prestazioni frutto di accordi sindacali che vedono il Fanimar interessato.
Inoltre proprio per il connotato di Fondo autogestito dai lavoratori, è stato possibile fin dal 1° Gennaio 2000 fornire, sempre nei limiti delle risorse disponibili di anno in anno, una serie di prestazioni a carattere sociale ed assistenziale (naturalmente senza costi aggiuntivi) che prevediamo possano, nel futuro, sempre più aumentare nei contenuti e nel numero.

NOTA: - Le prestazioni esclusivamente a carattere sanitario erogate sono di tre tipi:  FASCIA“A.SUPER”: Obbligatoria per Comandanti e Direttori di Macchina (come fascia “A”: può avanzare richiesta di adesione comunque chi vuole), contiene prestazioni aggiuntive erogate dal F.A.N.I.MAR. direttamente.  FASCIA “A”: Già obbligatoria per Comandanti e Direttori di Macchina in servizio con utilizzo della somma allora disponibile a contratto. A questa fascia in termini volontari può avanzare richiesta di adesione comunque chi vuole, indipendentemente dalla qualifica, integrando eventualmente la differenza economica rispetto ai contributi erogati dal datore di lavoro.
FASCIA “B”: E’ una fascia di prestazioni più contenute e quindi a minor costo, restando comunque immutate tutte le prestazioni di tipo sociale previste dal Fondo. Anche a questa fascia, come per la precedente fascia “A”, può avanzare richiesta di adesione comunque chi vuole, indipendentemente dalla qualifica di provenienza.

A conclusione di questa breve nota, é doveroso rimarcare l’opera di oculata e corretta gestione portata avanti dal Presidente, dal Comitato di Gestione, dagli Amministratori i quali operano in termini di puro volontariato gratuito a dimostrazione che i valori della solidarietà e dello spirito di servizio sono fondamentali per il successo del F.A.N.I.MAR.
Cordiali saluti.

Le Segreterie Nazionali
FILT/CGIL
FIT/CISL
UILTRASPORTI